Recensione Syncovery Mac – Sincronizziamo i nostri files in modo automatico

Amici di iPad Forum Italia oggi vi proponiamo la recensione di un interessante software per il vostro Mac. Si tratta di Syncovery, applicazione progettata per mantenere sempre sincronizzato il contenuto di diverse cartelle. Quante volte vi sarà capitato ad esempio di modificare diversi files sul vostro PC  e a fine giornata di doverli copiare tutti a mano su un supporto esterno, dimenticando magari il salvataggio di qualche file importante. Grazie a questo software potrete sincronizzare tutti i vostri files in modo automatico, aggiornando un archivio con i documenti più recenti senza dover copiare ogni volta a mano i vostri elaborati. Syncovery è disponibile per l’acquisto direttamente sul sito ufficiale a partire da 29.90€ sia in versione per Mac ma anche Windows e Linux.

syncovery_princ

Una volta installata l’applicazione ed attivata la licenza possiamo iniziare ad utilizzare il programma. Dalla schermata principale di Welcome sono disponibili diverse funzioni:

  • Impostare una nuova sincronizzazione: con cui è possibile impostare in modo guidato attraverso 6 passaggi una nuova sincronizzazione;
  • Modifica di un profilo: in cui è possibile modificare rapidamente le impostazioni di un profilo creato precedentemente;
  • Eseguire un profilo: possiamo quindi eseguire i diversi profili già creati;
  • Start the Scheduler: avviare i profili schedulati (ad esempio profili da eseguire ogni sera oppure ogni settimana).

In seguito andremo a spiegare ogni singola funzione, ma prima impostiamo una nuova sincronizzazione.

Per la creazione di un nuovo profilo possiamo utilizzare la procedura guidata, in cui ci verrà chiesto di selezionare le cartelle da sincronizzare ed impostare la modalità di sincronizzazione.  Per potervi illustrare a fondo tutte le funzionalità del programma abbiamo deciso di utilizzare la procedura più avanzata, in cui è possibile selezionare tutte le azioni che il programma dovrà eseguire in caso di conflitti tra più files. La procedura guidata è abbastanza semplice e tutte le funzioni sono spiegate dal software man mano che avanziamo per i 6 passaggi principali.

syncovery_guidata

Apriamo quindi il menu “Advanced Mode” che ci mostrerà la schermata principale in cui è possibile creare dei nuovi profili oppure visualizzare le attività schedulate. Impostiamo quindi un nuovo profilo di sincronizzazione cliccando sul tasto verde +. La schermata può risultare un po’ complessa, ma include tutte le varie opzioni per una corretta sincronizzazione.

syncovery_zip

Per prima cosa inseriamo il nome del profilo, ad esempio: “Sincronizzazione documenti”. Selezioniamo quindi le due cartelle da mantenere sincronizzate, possiamo selezionare a sinsitra la cartella Documenti presente sul Mac e a destra quella di destinazione presente sulla chiavetta. Se acquistate la licenza professional è possibile selezionare anche una cartella online su un server connettendosi via FTP. In questo caso è fondamentale conoscere l’indirizzo IP di connessione del server e gli accessi corretti. In un aggiornamento di Gannaio 2014 è stato aggiunto anche il supporto con Amazon S3. La configurazione è molto semplice, vi basterà inserire nome utente e password del vostro account per configurare tutta la sincronizzazione. Fatto questo selezioniamo la direzione di copia. Questo punto è fondamentale in quanto possiamo impostare quale delle due cartelle deve essere sincronizzata, possiamo quindi impostare di copiare i file dalla cartella di sinistra a quella di destra oppure viceversa. E’ possibile impostare anche una sincronizzazione bidirezionale sia da destra a sinistra che da sinistra a destra. In questo modo possiamo avere sempre sincronizzate le cartelle, funzione molto utile nel caso in cui lavoriamo su più pc diversi e vogliamo avere sempre l’ultima versione del file aggiornata.

syncovery_scheduled

Impostata la direzione di sincronizzazione sarà possibile selezionare se vogliamo includere anche le sottocartelle oppure se sincronizzare solo i files presenti nella cartella principale.

syncovery_mask

Possiamo quindi selezionare la modalità di sincronizzazione. Sono disponibili diverse modalità:

  • Standard Copying: funzione base che copierà i files mancanti o modificati senza cancellare l’originale.
  • SmartTracking: funzione più avanzata da utilizzare nel caso in cui vogliamo impostare una sincronizzazione bidirezionale tra due cartelle. In questo caso a seconda delle vostre configurazioni il programma andrà ad eliminare i file più vecchi per sovrascriverli con quelli più recenti in modo del tutto automatico. Per impostare le azioni da eseguire in caso di conflitto dovrete cliccare sul pulsante “Configure”. Possiamo quindi decidere se mantenere il file nella cartelle di destra ed eliminarlo in quella di sinistra, oppure spostare il file più vecchio in una cartella di archivio e quindi sostituirlo con quello più recente. E’ anche possibile impostare di rinominare il file più vecchio o più recente aggiungendo un prefisso. Il programma è altamente configurabile ed è possibile selezionare tantissime opzioni diverse in caso di conflitto durante la sincronizzazione.
  • Exact Mirror: in questo caso è possibile copiare e cancellare i files e creare successivamente un exact mirror.
  • Move files to destination: con questa configurazione è possibile copiare i files in una nuova cartella e successivamente eliminarli dalla cartella iniziale. Nelle configurazioni più avanzate è possibile anche rinominare la cartella di destinazione o creare un backup dei files cancellati.

syncovery_smarttrask

Nell’ultima parte della configurazione è possibile configurare le opzioni avanzate per la sincronizzazione dei files. Possiamo quindi selezionare l’opzione per lo scheduling, impostare automaticamente l’orario ed il giorno in cui vogliamo eseguire la sincronizzazione automatica delle cartelle. In questo modo basterà tenere l’applicazione aperta in background ed in automatico il profilo sarà eseguito e le cartelle sincronizzate. Un’ulteriore opzione riguarda i termini di confronto tra i files, con la possibilità di confrontare gli attributi del file, i permessi, controllare, la dimensione dei bit e la grandezza del singolo file.

syncovery_schedule

Ulteriori impostazioni avanzate riguardano la possibilità di copiare anche eventuali cartelle vuote, creare delle maschere per escludere cartelle o files dalla sincronizzazione, impostare degli avvisi che avvertono l’utente prima della cancellazione di documenti. In questo caso l’utente dovrà dare la conferma al programma per cancellare definitivamente tutti i files e portare a termine il processo. Vi è anche la possibilità di eseguire la compressione automatica degli archivio (ZIP) oppure estrarre in automatico un archivio durante il processo di sincronizzazione. Quando viene creato l’archivio è possibile impostare una password di default per la protezione dei propri dati.

Syncovery è un software veramente molto completo per quanto riguarda il numero di configurazioni di possibili per ogni singolo profilo. Come avete letto è possibile decidere le azioni automatiche da eseguire in caso di conflitto ed impostare tutte le regole da utilizzare per sincronizzare al meglio i files secondo le vostre esigenze. Prima di eseguire la sincronizzazione su documenti importanti vi consigliamo di creare due cartelle di prova in modo da verificare che le impostazioni da voi salvate siano corrette e corrispondano veramente alle vostre esigenze. Basta aggiungere una spunta sbagliata e rischiate di sincronizzare in modo non corretto il vostro archivio.

syncovery_main

Eseguita quindi la configurazione del profilo è possibile salvarlo ed eseguirlo. Nella schermata principale del programma vengono elencati tutti i profili che avete creato, le cartelle che devono essere sincronizzate, il tipo di sincronizzazione (bidirezionale oppure a singola direzione), l’ultima data di esecuzione ed una eventuale successiva sincronizzazione nel caso sia impostato lo scheduling. In ogni momento sarà possibile eliminare un profilo, crearne uno nuovo oppure rinominare uno già creato. Per eseguire manualmente una sincronizzazione vi basterà selezionare il profilo che desiderate e successivamente premere su Play.

Nelle configurazioni generali del software è possibile impostare l’avvio automatico del programma quando accendiamo il Mac, impostare correttamente il file di log, in cui saranno riportate tutte le azioni eseguite in background, impostare una notifica via email ed impostare il numero di profili da eseguire in contemporanea (solo per la versione professional). Molto utile l’avviso via email. In questo caso il programma invierà una mail al vostro account in cui saranno riportati tutti i dettagli sull’ultima sincronizzazione, con dettagli su eventuali errori o conflitti non risolti. Consigliata nel caso di sincronizzazioni di grossi volumi di dati.

synovery_files

La funzione di scheduling è ben realizzata e durante le nostre prove ha sempre funzionato alla perfezione. In automatico in base alle nostre impostazioni il programma andrà ad eseguire la sincronizzazione dei dati tra le varie cartelle in modo da avere sempre tutti i dati aggiornati senza preoccuparci di dover eseguire manualmente la sincronizzazione. Disponibile nella versione professional anche il monitoraggio automatico di una cartella. In questo caso in automatico il programma esegue la sincronizzazione quando in una determinata cartella vengono aggiunti dei files non presenti nella cartella di destinazione.

syncovery_logs

Possiamo quindi promuovere a pieni voti Syncovery in quanto grazie alle sue svariate possibilità di configurazione vi permetterà di impostare una sincronizzazione dei files in modo dettagliato risolvendo automaticamente conflitti in caso di sincronizzazioni bidirezionali. Possiamo utilizzare questa applicazione per creare una copia di backup dei nostri files su un archivio esterno, utilizzando una sincronizzazione direzionale tra archivio principale e hard disk esterno. L’esecuzione dei vari profili è molto veloce, il tempo di copia invece dipende dalla velocità del disco esterno e dal tipo di connessione utilizzato (USB 2, USB 3 o Thunderbolt). Disponibile per l’acquisto direttamente sul sito ufficiale con tre diverse tipologie di licenze:

  • Standard Edition a 29.90€: versione base per utenti normali che non necessitano di sincronizzare account FTP, eseguire la compressione degli archivi (ZIP), protezione con password, nessuna sincronizzazione real time, possibilità di eseguire una sola sincronizzazione per volta.
  • Professional Edition a 49.90€: versione per utenti professional che include tutte le funzionalità non presenti nella versione standard (gestione ftp, compressione archivi, protezione password) ed aggiunge la possibilità di eseguire fino a 12 sincronizzazioni di profili diversi nello stesso momento. Adatta per chi deve eseguire sincronizzazioni di archivi online oppure grossi volumi di dati.
  • Higher Edition a 99.90€: versione completa che aggiunge la possibilità di eseguire più di 12 sincronizzazioni simultaneamente sulla stessa macchina. Prezzo a partire da 99€ fino a 332€ per eseguire infinite sincronizzazioni simultanee sulla stessa macchina.

[taq_review]