Il nuovo iPhone 4 di Apple

Pubblico sul sito questo articolo tratto dal Corriere della Sera riguardante l’evento appena concluso: il WWDC 2010 di Apple. Ringrazio anche Engadget per le immagini dell’evento.

La serata (nostra) del nuovo iPhone è iniziata con uno Steve Jobs vestito come al solito che – sul palco del WWDC 2010 di San Francisco – parla del successo del “magico” iPad: “Ha cambiato il mondo, ne vendiamo uno ogni 3 secondi”. Prima dell’atteso annuncio, una carellata autocelebrativa del successo del tablet: 8500 applicazioni per iPad, 35 milioni già caricate, 5 milioni di libri scaricati con iBook (il 22% delle vendite di libri elettronici nel mondo), 15 mila nuove applicazioni (in generale per AppStore) proposte ogni settimana, messagi di singoli e aziende (eBay, Netflix) felici di essere sul nuovo mercato lanciato da Apple, un miliardo di dollari finora pagato agli sviluppatori.

L’attenzione passa quindi al Melafonino, definito il vero fenomeno della navigazione mobile in Rete (iPhone 58% di uso del browser, android 22,7%, Rim 8%): ecco l’iPhone 4, nuovo design, 9,3 millimetri, il 24% più sottile di iPhone 3GS, videocamera frontale (e sul retro, con flash). L’atteso nuovo schermo in vetro, sempre da 3,5″ conferma le aspettative: 326 pixel per pollice -risoluzione superiore a quella percepita dall’occhio umano -, 960×640 pixel totali. E anche se la prova live di navigazione sul Web – confronto tra il nuovo e il “vecchio” 3Gs – fallisce in diretta, la folla è come sempre in delirio. Quindi Jobs ha confermato la presenza dentro al telefono del chip A4 usato per l’iPad e svelato la capacità della batteria potenziata: 6 ore navigando in 3G, 10 ore con wifi, 10 ore video, 40 ore musica, 300 ore stand by.

Si passa quindi alla quinta novità, la foto-videocamera: immagini da 3 a 5 Megapixel, sensore retroilluminato, zoom digitale 5X, flash led, registrazione video in alta definizione (30 frame a 720p) con conseguente iMovie sviluppato per il telefonino (4,99 dollari).

Quindi, dopo un po’ di scenografia – “Chiudete le connessioni wi-fi, mettete a terra i vostri computer”, forse anche per un po’ di congestione di reti nella sala – ecco l’atteso nuovo sistema operativo, rinominato iOS4. Il multitasking, come atteso, e “oltre 100 funzionalità, ma non avremo modo di farvele vedere”.Tra queste la possibilità di creare cartelle per gestire le applicazioni e tre motori di ricerca predisposti per Internet: Google, Bing e Yahoo! Steve Jobs dunque passa alla settima e ottava novità, ossia iBook su iPhone, e il lancio di iAds, ossia l’advertising sulle applicazioni del telefonino. Un mercato enorme – 100 milioni di apparecchi con sistema operativo iOS venduti nel mese di giugno, 150 milioni di utenti iTunes/AppStore con carta di credito, 16 miliardi di download – che ora, come spiega felice Jobs, può esprimersi al meglio del suo potenziale economico.

E alla fine si arriva ai prezzi, considerati con il contratto con l’operatore americano (199 dollari per il 16Gb, 299 per il 32), ma in linea con quelli del 3Gs. Così ci si può fare meglio l’idea. Dal 24 giugno in vendita in 5 Paesi (non l’Italia), in agosto altri 24 Paesi (e qui ci sarà l’Italia), a settembre in altri 88 ancora. Dal 21 giugno quindi si potrà upgradare il sistema operativo al nuovo iOS4: sarà gratuito come sempre per 3GS e 3G (ma non con tutte le funzionalità, come il multitasking), e per la prima volta anche per iPod Touch.
apple-wwdc-2010-391-rm-eng.jpgIl lancio di questo nuovo Melafonino si inserisce prepotentemente in un trend portato di recente all’attenzione dei media da un lato dalle parole dei grandi protagonisti della scena hi-tech, e dall’altro da una serie di numeri che confermano come l’uso delle tecnologie sta prendendo una nuova strada. Quella sempre più legata alla mobilità. Settimana scorsa Steve Jobs ha dichiarato che i pc con Windows sono in caduta definitiva e ormai appartengono al passato. Lo Steve che sta dall’altra parte, Ballmer ceo di Microsoft, ovviamente non la pensa (esattamente) così. E in una risposta indiretta al capo di Apple, ha spiegato che è vero che il mondo dei personal computer sta cambiando radicalmente, ma questi rimarranno e così il sistema operativo Windows. “Alcuni computer avranno la tastiera, altri no